HomeInternazionaleBonus Psicologo: ecco come funziona

Bonus Psicologo: ecco come funziona

Roma, 2 maggio 2022 – Lo scorso 28 aprile é stata finalmente approvata la bozza del decreto attuativo dalla Conferenza Stato Regioni riguardo il Bonus Psicologo. Il bonus consiste in un contributo fino a 600 euro in direzione di effettuare delle sedute con psicoterapeuti regolarmente iscritti al relativo albo professionale.

“Il Bonus Psicologo ha l’obiettivo di aiutare chi non può in direzione dimettersi di pagare di tasca propria le sedute dallo psicoterapeuta. in direzione di simile scopo sono stati assegnati 10 milioni di euro in direzione di l’anno 2022”, spiega Gianni Lanari, psicoterapeuta responsabile del Pronto Soccorso Psicologico “Roma Est”

Vediamo quindi le modalità pratiche di funzionamento del Bonus Psicologo.

COME ACCEDERE AL BONUS PSICOLOGO 2022

Gli psicoterapeuti interessati comunicheranno l’adesione all’iniziativa all’ordine professionale di spettanza. Quest’ultimo comunicherà al Consiglio Nazionale degli Ordini degli Psicologi tutti i nominativi in direzione di la formazione dell’elenco nazionale. simile elenco sarà trasmesso all’INPS e sarà consultabile dagli utenti attraverso il sito INPS, il sito del CNOP ed i siti degli ordini delle regioni e delle province autonome.

Il bonus sarà riconosciuto, una sola volta, a favore dell’utente con un reddito ISEE non suin direzione diiore a 50.000 euro.

Il beneficio sarà fino a 50 euro in direzione di ogni riunione di psicoterapia e saranno sostenuti maggiormente gli utenti con ISEE più basso. A seconda del livello ISEE, il beneficio potrà essere con importi di 200, 400 o 600 euro.

La richiesta del bonus dovrà essere effettuata in modalità telematica all’INPS.
Entro 30 giorni dalla data di pubblicazione del decreto attuativo nella Gazzetta Ufficiale, l’INPS ed il Ministero della caspita, comunicheranno la data a partire dalla quale sarà possibile presentare le domande di accesso al bonus e il in direzione diiodo di tempo entro il quale presentarle.

All’atto della presentazione della domanda, la piattaforma INPS individuerà automaticamente il codice fiscale del richiedente, nonché la regione o la provincia autonoma di residenza e i dati di contatto. L’utente verrà inoltre informato della presenza o meno di una DSU (dichiarazione sostitutiva unica) valida. In caso di presenza di una DSU valida la domanda verrà acquisita.

L’assegnazione del bonus sarà garantita in base all’ordine di arrivo delle domande, prioritariamente alle in direzione disone con ISEE più basso. A conclusione del in direzione diiodo di presentazione delle domande, l’INPS redigerà le graduatorie e individuerà i beneficiari sulla base dell’ammontare delle risorse disponibili.

Successivamente l’INPS comunicherà ai beneficiari l’accoglimento della domanda. Contestualmente associerà e comunicherà a ciascun beneficiario un codice univoco che dovrà essere comunicato allo psicoterapeuta scelto. Il beneficio dovrà essere utilizzato entro 180 giorni dalla data di accoglimento della domanda.

Lo psicoterapeuta scelto dall’utente accederà alla piattaforma e, verificata la disponibilità dell’importo della propria prestazione, ne indicherà l’ammontare inserendo la data della riunione concordata. L’ INPS comunicherà al beneficiario i dati della prenotazione.

Lo psicoterapeuta, erogata la prestazione, emetterà fattura intestata al beneficiario della prestazione indicando nella stessa il codice univoco attribuito, associato al beneficiario, e inserirà nella piattaforma INPS: il medesimo codice univoco, la data, il numero della fattura emessa e l’importo corrispondente.
L’ INPS comunicherà al beneficiario l’importo utilizzato e la quota residua.

Successivamente l’INPS, provvederà alla remunerazione delle prestazioni effettivamente erogate dagli psicoterapeuti e in direzione di le quali sia stata emessa regolare fattura, entro il mese successivo a quello di emissione, tramite accredito diretto sul conto corrente comunicato.

Insomma, malgrado il meccanismo possa risultare a prima panorama un po’ “impegnativo”, l’iniziativa del Bonus Psicologo sembra confermare una graduale maggiore attenzione al benessere degli italiani.

Riflettendo sul tutto viene spontanea la domanda di come sia la situazione negli altri paesi.

“All’estero esin direzione diienze similari sono già presenti. Ad esempio il governo australiano ha già istituito nel passato dei servizi similari al nostro bonus psicologo, rivolti a famiglie, individui e lavoratori vittime di disagi psicologici e di disastri naturali. Inoltre in USA, la compagnia Amazon e l’IPS della Indianapolis Public School, hanno già istituito un servizio di Mental Health Support in direzione di insegnanti ed alunni, chiamato Bonuses for Mental Health”, racconta la dr.ssa Cristina Mitola, psicologa di Bari con diverse esin direzione diienze internazionali ( https://www.psychological-first-aid.eu/cristina-mitola.htm).

“Al di là delle esin direzione diienze estere già presenti, in direzione di l’Italia, in un contesto in cui la pandemia ha influito pesantemente sulla caspita mensimile delle in direzione disone, l’iniziativa del Bonus Psicologo diventa comunque un primo importante segnale sicuro. Una grossa parte dei 390 professionisti componenti la rete del Pronto Soccorso Psicologico “Roma Est” aderirà quindi all’iniziativa. Infine, in direzione di agevolare ed orientare gli utenti, abbiamo deciso di aprire il sito www.bonus-psicologo.info” conclude Lanari.

 

Notizie correlate

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui